ATTIVITA'


Incontri a Villa Bertelli 2016
 
 I nostri incontri nel 2017 a Villa Bertelli
 
 
TORNA AL CALENDARIO
 

VILLA BERTELLI

Lunedì 19 Giugno - ore 18,00

Franco Pezzica

Giacomo Leopardi
"Il Ciclo di Aspasia" e lettura di "A se stesso"


Seguirà brindisi
Giacomo Leopardi
Nella lettera dedicatoria (15 dicembre 1830) "Agli amici suoi di Toscana", premessa all'edizione fiorentina (1831) dei Canti, Giacomo leopardi così si presenta: "prendo commiato dalle lettere e dagli studi. […] Ho perduto tutto: sono un tronco che sente e pena". Ma la smentita è imminente e dovuta all'incontro a Firenze con la fascinosa Fanny Targioni Tozzetti: la donna è oggetto di desiderio prima (Giacomo vive una nuova "esperienza di sé"), poi è scacco prevedibile e inesorabile. Questo percorso, che da sostanza autobiografica diviene drammatica vicenda universale, si sviluppa in un gruppo di cinque canti dando luogo al "ciclo di Aspasia" o, meglio, ai "canti dell'amore fiorentino" (come dice Leopardi stesso) . La datazione dei cinque canti, che compongono il "ciclo", è compresa tra il 1832-3 e il 1835 nelle città di Firenze e di Napoli. In Consalvo il giovane protagonista, avuto in punto di morte il bacio dalla donna amata (Elvira), scopre che "Due cose belle ha il mondo: / amore e morte" (vv.100-101). In Il pensiero dominante, Leopardi parla dell'affetto come "dominator di sua profonda mente " (v. 2); affetto che insegna a contrastare le "voglie" non nobili (vv. 73-76) del "mondo sciocco" (v. 38). L'esperienza dell'affetto è sì un "sogno" (vv. 108, 111) ma è tanto intenso da sembrare realtà. In Amore e morte emerge la conflittualità latente del "pensiero dominante": quell'"affetto, che era nello stesso tempo "Dolcissimo" (v. 1) e "terribile, ma caro" (v. 3), ora è "procella" (v. 40) del "fier disio" (v. 43). Il sogno s'incrina e la morte, agognata, appare come "Bellissima fanciulla" (v. 10) dal "virgineo seno" (v. 124). In A se stesso la delusione amorosa dissolve l'incanto e Leopardi, con la virile affermazione di se stesso e delle proprie idee, chiama in causa il suo cuore, artefice e vittima dell'"inganno estremo" (v. 2). Infine in Aspasia, la desiderata, ci si trova dinnanzi a un'analisi distaccata, fino al sorriso (v. 112): canto liberatorio e protettiva conquista di una desolata condizione di atarassia sentimentale (Gino Tellini).

 
 
 
ARCHIVIO ALMANACCHI

Almanacco 2015
Almanacco 2014
Almanacco 2013
Almanacco 2012
Almanacco 2011
Almanacco 2010

ARCHIVIO ATTIVITA'

Calendario attività del 2017
Calendario attività del 2016
Calendario attività del 2015
Calendario attività del 2014
Calendario attività del 2013
Calendario attività del 2012
Calendario attività del 2011
 
 
         
 
 
 
Circolo Culturale "Il Magazzino" - via C. Colombo, 24 - 55042 Forte dei Marmi (LU) - Cod. Fiscale 94008920467

circolomagazzino@yahoo.it

© 2013 - 2018 Powered by Edoardo Baldini - credits


Questo sito non fa uso di cookie